Il Riformista: Sarah Palin, come si ritocca su wikipedia la biografia di una candidata

Gli aggiornamenti di Wikipedia sulla Palin minuto per minuto ricordano antiche dispute teologiche dove una parola in più o in meno avrebbe fatto la differenza per i posteri. Qui i posteri siamo noi.

John McCain, Sarah Palin

Alla voce Sarah Heat Louise Palin Wikipedia ha messo un avviso: “Nessun aggiornamento è possibile al momento”, tutto bloccato. E’ raro leggere una cosa simile, di solito riguarda voci sottoposte a troppe interpretazioni o personaggi molto chiacchierati in un determinato periodo e allora il regolamento dell’enciclopedia democratica e globale interviene così.

Protegge l’oggetto della questione finché non passa la bufera. Sulla Palin molti cambiamenti sono ancora al vaglio e forse ce ne sono stati troppi in questi giorni, ne sa qualcosa l’utente Young Trigg, che ne ha fatte più di trenta in poche ore. Ne sappiamo qualcosa anche noi che per caso ci siamo ritrovarti a seguirla proprio nelle ore precedenti l’incoronazione a vice di McCain, scoprendo ogni giorno una donna diversa. E nulla può il regolamento di wikipedia contro questa biografia virtuale che, come oramai è prassi consolidata, finisce spesso nella cartella stampa di conferenze e incontri pubblici. E se viene modificata, ogni giorno presenta una Palin diversa.

Dayton, Ohio, una splendida domenica di agosto, domenica 24 agosto 2008, ospiti a colazione con un gruppo di senatori repubblicani tutti rigorosamente over 60, per presentare Sarah Palin. Come per ogni incontro regalano una dettagliata cartella stampa. La biografia recita poche righe, senza fronzoli: governatrice dell’Alaska, membro del partito repubblicano, religione non pervenuta –strano -, per due volte sindaco della cittadina di Wasilla, qualche accenno vago a un corso di universitario di giornalismo, un lavoro nei media, è sposata a imprenditore ittico. La Palin è una donna caparbia, ammette con umiltà la sconfitta come vice governatrice nel 2002, così come per il posto al senato, ma con un pizzico di malizia conferma quanto scritto sulle note biografiche, perchè il governatore Frank Murkowski preferì sua figlia Lisa al mio posto.

Lunedì 25 il cielo è nuvolo su Dayton, siamo di nuovo colazione, avvertiamo della frenesia, si è appena aperta la convention dei democratici.  Dalla biografia della vice di McCain ci accorgiamo che sono sparite le polemiche con Lisa Murkowski e che invece è comparso qualche simpatico dettaglio. La donna che guarda sorridente dall’altra parte del tavolo si confessa alla stampa come una ex giornalista sportiva e giocatrice di basket nella squadra del suo liceo con cui ha vinto un campionato nel ruolo di guardia. Ma Sarah Louise Heath Palin vuole stupirci ancora: è anche stata una modella, incoronata miss Wasilla nel 1983 e seconda l’anno dopo a Miss Alaska. E’ un fiume in piena, quello che è scritto lo conferma a voce:“Adoro gli hamburger di alce e andare sulle slitte da neve. E sapete ragazzi, anche io ho fumato marijuana in  gioventù di marijuana quando era legale ma non mi è mai piaciuta”.

Il giorno successivo mentre a Denver la convention entra nel vivo, la governatrice rimane sulle sue, medita pensierosa guardando le dirette in tv, intanto però corregge un po’ il tiro hippie, nella nota dice che al liceo suonava il flauto e che sempre a scuola era capo della congregazione degli atleti cristiani, che guidava in preghiera prima di ogni singola gara. Non importa la cornice, ma solo l’essenza delle cose: quando Sarah si sposò con rito civile, i testimoni di nozze furono presi per strada. Unico sfizio concesso al di fuori della spirito, un idrovolante di sua proprietà.

Il 27 mattina il gioco si da duro, pare che Obama possa apparire di sorpresa al termine del discorso di Joe Biden. Se non ti piace la tua vita allora cambiala, starà pensando Sarah Louise Heath Palin che di persona consegna la sua cartella stampa agli intervenuti. Altro che Miss Congeniality, si scopre che  al liceo il suo soprannome era Barracuda, perché quel campionato dell’82 lo vinse realizzando un tiro libero negli ultimi secondi della partita, nonostante una frattura alla caviglia. E anche se gli hamburger di alce sono molto buoni da mangiare stando seduti a tavola, è ancora meglio andarli a cacciare di persona. E’ il momento delle domande, mentre risponde a un collega sulle unioni tra persone dello stesso sesso, ci accorgiamo che segue il testo della cartella oramai a memoria, nonostante tutti i cambiamenti in corsa “sono contraria, ma ho molti amici gay e so bene cosa vogliano dire le discriminazioni

Il 28 tutto l’ambiente è nervoso, i senatori preferiscono seguire i piedi la chiusura della convention di Denver, McCain dovrà presto sciogliere la riserva sul suo vice. C’è solo una persona tranquilla. Un assistente porta l’ennesima cartella stampa. Non c’è più notizia di idrovolanti e flauti. Ma basta l’incipit per capire che qualcosa è successo nella notte: Sarah Louise Heath Palin (pronounced /peɪlɪn/). La pronuncia esatta, come se questa governatrice dell’Alaska dovesse diventare oggetto di interesse per tutto il mondo.

Il 29 la cartella rimane chiusa, le agenzie battono la notizia, wikipedia fa l’ennesimo aggiornamento self oriented. Sarah Louise Heath Palin, the Republican vice presidential nominee in the 2008 United States presidential election.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...